Travel Managers & Dati: sfide e bisogni
                                

Oggigiorno disponiamo di una quantità enorme di dati. Essi sono diventati ormai parte integrante della nostra vita quotidiana. Possiamo conoscere i nostri battiti cardiaci, i passi che effettuiamo o le calorie che bruciamo nell'arco di una giornata o ancora quanti gigabytes di memoria liberi abbiamo nei nostri smartphones.

GBTA (Global Business Travel Association) ha condotto uno studio per capire quali dati utilizzano i Travel Manager e il modo in cui li utilizzano. L'indagine ha coinvolto più di 300 Travel Manager Europei e dell'Asia-Pacifico con l'obiettivo di individuare di quali dati si servissero per prendere decisioni sui loro programmi di viaggio e per scoprire se i dati che hanno attualmente a disposizione soddisfano le loro esigenze o se ci sono dei margini di miglioramento.

Dallo studio è emerso che la maggior parte dei Travel Manager dell' Asia-Pacifico (61%), crede che i dati di viaggio a loro disposizione abbiano agevolato il processo decisionale, in particolar modo nel processo di valutazione di conformità e di selezione dei fornitori. Il 40% dei Travel Manager in Europa la pensa allo stesso modo.

Circa l'80% dei Travel Manager dell' Asia-Pacifico, inoltre, crede di sapere come massimizzare al meglio i dati trasformandoli in azioni concrete; li utilizza, quindi, per individuare le soluzioni migliori e più convenienti per gli acquisti dei viaggi. Circa il 70% dei Travel Manager europei ritiene ugualmente di saper massimizzare al meglio i dati per agevolare il processo decisionale.

In diversi casi, gli intervistati dell'aerea Asia-Pacifico sono apparsi più avvezzi nell'utilizzo dei dati rispetto ai colleghi europei, utilizzando anche i dati provenienti da programmi di carte e conti aziendali. Ad esempio, i Travel Manager dell'Asia-Pacifico utilizzano i dati di viaggio derivanti dal Corporate Travel Accounts per la riconciliazione (74%) e per il bilancio (67%). Al contrario, appena un quarto dei Travel Manager europei utilizza i dati per facilitare la riconciliazione e circa un 30% utilizza i dati a fini di bilancio.

L'estrazione dei dati dal sistema di gestione delle spese è utilissima per i Travel Manager. Le voci che vengono maggiormente controllate sono quelle relative alla spesa aerea e alberghiera (75%).

Se si pensa alle sfide da affrontare in materia di elaborazione dati, la maggior parte delle aziende non ha ancora consolidato i loro dati di viaggio provenienti da diverse fonti (49% nell'Asia del Pacifico e il 59% in Europa). Il consolidamento dei dati è ciò su cui è necessario lavorare; rappresenta certamente uno spazio di opportunità per i Travel Manager di entrambi i Paesi per ridurre al minimo i rischi e le difficoltà del lavorare con dati raccolti da più fonti e in diversi formati senza alcuna certezza che siano stati effettivamente aggiornati.


Fonte: GBTA